home Tecnologia sicurezza Mark Zuckerberg, bilancio Facebook sulla questione privacy
Facebook-zuckerberg
0

Mark Zuckerberg, bilancio Facebook sulla questione privacy

Mark Zuckerberg ha scritto un memo di 3.260 parole su come Facebook sta combattendo l’interferenza elettorale.

Mentre il mondo si prepara per le elezioni di medio termine negli Stati Uniti in programma a novembre, il fondatore di Facebook fa un bilancio della situazione partendo dal 2016 ad oggi.

In pratica, Zuckerberg vuole chiarire come sta conducendo personalmente l’accusa di Facebook contro la disinformazione e l’ingerenza nelle elezioni dopo lo scandalo Cambridge Analytica.

Appena qualche giorno fa, il numero 1 di Facebook ha scritto un post in cui sono descritte tutte le misure di sicurezza che il social network ha introdotto dal momento in cui è stato sfruttato dagli agenti russi per diffondere disinformazione nella corsa alle elezioni presidenziali americane del 2016 (e da quando un’eccentrica società politica ha raccolto dati da oltre 87 milioni di utenti di Facebook ignari). Zuckerberg ha scritto che il suo post sarà il primo di lunga serie, volti a delineare le sue opinioni sui principali problemi che l’azienda deve affrontare.

Con le elezioni di medio termine degli Stati Uniti a meno di due mesi di distanza, ecco come Facebook dice che si sta preparando a combattere qualsiasi interferenza. Vediamo in anteprima i punti salienti.

Identificazione e rimozione di account falsi

Facebook ha rimosso oltre 1 miliardo di account falsi in soli 6 mesi tra ottobre 2017 e marzo 2018. A tal proposito Zuckerberg ha scritto che la stragrande maggioranza degli account sono stati identificati e rimossi prima che potessero essere dannosi.

Investire nella sicurezza

Facebook ha assunto più di 20.000 persone per lavorare sulla sicurezza del sito, rispetto ai 10.000 dedicati dello scorso anno, aggiungendo che l’azienda  continuerà ad investire nelle persone e nell’intelligenza artificiale per migliorare i propri sistemi.

Mostrarti chi ha pagato per quell’annuncio politico

Ora chiediamo anche a chiunque pubblichi annunci politici negli Stati Uniti di verificare la loro identità e posizione“, ha scritto Zuckerberg, ragionando sul fatto che la mossa impedirà ai cattivi attori, in altri paesi, di acquistare annunci negli Stati Uniti.

Facebook conserverà inoltre un archivio di tutti gli annunci politici che vengono pubblicati nella sua piattaforma. Chiunque può accedervi e vedere chi ha pubblicato un determinato annuncio, quanto lo hanno comprato e quante persone ha raggiunto. Trasparenza è la chiave.

Demoting post virali

Nei luoghi in cui la disinformazione virale può contribuire alla violenza, abbiamo l’intenzione di  sminuirla“, ha scritto Zuckerberg. “In altri casi, ci concentriamo sulla riduzione della distribuzione della disinformazione virale piuttosto che rimuoverla completamente“.

Ci chiediamo dunque perché alcuni post vengono rimossi e altri abbassati di livello? Zuckerberg ha spiegato che non tutti questi messaggi fanno parte di una campagna di disinformazione coordinata. Quando viene contrassegnato un post potenzialmente falso o virale, Facebook lo invia a un gruppo di verificatori indipendenti per esaminarlo. Ciò vuol dire che “i messaggi classificati come falsi vengono retrocessi e perdono in media l’80% delle loro opinioni future“, ha affermato soddisfatto Zuckerberg.

Rendere più difficile fare soldi con le pubblicità di Facebook

Blocchiamo chiunque abbia ripetutamente diffuso disinformazione, soprattutto dall’usare i nostri annunci per fare soldi“, ha scritto Zuckerberg, aggiungendo che Facebook ridurrà anche la distribuzione di ogni pagina che è stata trovata per diffondere regolarmente disinformazione e spam. “Queste misure rendono più difficile per loro rimanere uno spam redditizio nella nostra comunità”.

Aumentare il coordinamento e la cooperazione con governi e aziende

Prevenire l’interferenza elettorale è più grande di qualsiasi singola organizzazione“, ha scritto Zuckerberg. “I cattivi attori non si limitano ad un solo servizio, quindi non possiamo nemmeno affrontare il problema nei silos“.

Il fondatore di Facebook ha affermato che l’azienda ora ha un coordinamento “significativamente più forte” con i governi ed altre aziende tecnologiche rispetto al 2016, e che tutti ora hanno “un incentivo a collaborare”. Ad esempio, Facebook può identificare un cattivo attore sulla sua stessa piattaforma, può rimuovere l’account e qualsiasi altro profilo che possa essere collegato ad esso su Instagram e WhatsApp. Se Facebook ha informazioni su altre piattaforme social associate a tali account, può avvisare quelle aziende (ad esempio, Twitter) in modo che possano rimuovere anche gli account falsi.

Cosa può fare l’utente

Lo scrutinio sul ruolo di Facebook durante le elezioni del 2016 sembra aver avuto un impatto significativo su Zuckerberg, che sembra divenuto più consapevole dell’effetto che la sua azienda ha sulla società. “Quando costruisci servizi che collegano miliardi di persone attraverso paesi e culture, vedrai tutta la buona umanità di cui è capace“, ha scritto Zuckerberg nel suo manifesto. “E vedrai anche che le persone cercano di abusare di questi servizi in tutti i modi possibili.” Quindi si tratta di uno strumento, che come tale può essere usato in modo del tutto positivo o negativo. 

Mentre il post di Zuckerberg si concentra principalmente su come Facebook sta combattendo la disinformazione e l’uso improprio della sua piattaforma, ci sono diversi modi in cui l’utente stesso può contrastare i problemi.

Ad esempio, si può limitare il numero di app che hanno accesso ai dati, aggiornando le impostazioni sulla privacy  dell’account Facebook. Si possono anche richiedere i dati che Facebook già possiede, o almeno delle informazioni già condivise. Se ci s’imbatte in un post virale, è necessario utilizzare servizi come PolitiFact, Snopes o FactCheck.org per valutarne la credibilità. Se le informazioni nel post sono false, puoi segnalarle e contrassegnarle in modo che il team di Facebook possa esaminarle.