home Tecnologia IA: il futuro in ambito sanitario
0

IA: il futuro in ambito sanitario

L’utilizzo della tecnologia nell’ambito dell’assistenza sanitaria è diventata una sfida importante per i grandi Big del web, tra cui Amazon.

Bezos scommete sul futuro dell’assistenza sanitaria: la sua azienda, che nel 2016 ha seguito la realizzazione di un laboratorio sanitario e l’acquisto di un’azienda farmaceutica online, ha progettato un software che servirà per analizzare le cartelle cliniche dei pazienti, per gli ospedali e i loro medici. Questo nuovo software ha permesso che tali record siano più veloci nel ricercare informazioni chiave, risparmiando tempo e denaro, e facendo sì che il personale ospedaliero abbia più tempo libero per occuparsi della cura dei pazienti. Questo programma, inoltre, riscrive tutte le note scritte a mano da qualsiasi operatore sanitario, come il gergo medico e le abbreviazioni. In questo modo i medici professionisti non dovranno passare del tempo a riscrivere nuovamente a mano le proprie note.

L’intelligenza Artificiale

Hai mai faticato a leggere la calligrafia di un dottore? Questo sarà un compito molto difficile anche per l’intelligenza artificiale. Il nuovo software di Amazon è in grado di scegliere con successo le informazioni più importanti dai record dei pazienti.
“Siamo in grado di cercare automaticamente all’interno del linguaggio medico e identificare i dati dei pazienti”, tra cui le diagnosi, i trattamenti, il dosaggio e punti di forza “con un’elevata precisione,” afferma Matt Wood, direttore generale di intelligenza artificiale della Amazon Web Services.
Gli operatori sanitari saranno in grado, grazie a questo programma, di esportare i dati clinici in record di facile lettura, che possono essere utilizzati per migliorare i loro servizi.
A causa della legge sulla Privacy personale, però, si può accedere alle cartelle cliniche elaborate da Amazon solo utilizzando una chiave di autorizzazione specifica del paziente.

Deep Patient

Il software di Amazon non è il primo che ha cercato di interpretare e migliorare le prestazioni in ambito clinico. Nel 2015, al Mount Sinai Hospital di New York è nato Deep Patient, un software simile a quello di Amazon, che aveva la capacità di elaborare le cartelle cliniche dei pazienti e predire future malattie.
Gli algoritmi di deep learning sono stati utilizzati per l’elaborazione di dataset di grandi dimensioni. Come sappiamo, però, queste informazioni devono essere gestite facendo molta attenzione a causa della natura sensibile dei dati stessi. Le frontiere in ambito sanitario aperte dal software di Amazon potrebbero portare alla realizzazione di diagnosi veloci e cure molto più efficaci? Solo il tempo ci mostrerà fino a dove riuscirà a spingersi la tecnologia in questo ambito.