home Tecnologia Voto elettronico negli USA, quali sono i problemi di un’elezione già contestata
voto-elettronico-USA
0

Voto elettronico negli USA, quali sono i problemi di un’elezione già contestata

Perchè le macchine per il voto elettronico causano così tante problematiche, vista anche la maggiore affluenza alle urne?

Sono passati già 18 anni dopo le contestate elezioni presidenziali del 2000 di Bush contro Gore. Eppure i “hanging chad” fanno ancora parlare.

Sapete di cosa si tratta?

É un sistema di voto che nel quale si preme sul contrassegno prescelto, facendo un buco sulla carta.

Gli elettori in Florida all’epoca delle presidenziali del 2000, usavano i voti delle schede perforate in stile Votomatic. Quindi un chad in sospeso è quando si preme nella carta,  ma non si riesce a fare il buco, e resta un piccolo pezzo di carta penzolante. Secondo questo sistema, il voto è quindi valido oppure no?

Dal momento che gli stati hanno iniziato a introdurre macchine per il voto elettronico e altre tecnologie nel processo di votazione, la digitalizzazione di vari aspetti del voto è stata un vantaggio per la democrazia, dalla registrazione degli elettori on-line alla scansione ID al check-in, fino alle schede inviate digitalmente.

Ma martedì scorso, negli Usa, ci sono stati problemi con le macchine per il voto elettronico in molte regioni, che hanno causato enormi ritardi.

Circa una dozzina di stati hanno segnalato problemi, in particolare con i sistemi di voto elettronico“, ha affermato Marian Schneider, presidente dell’organizzazione per l’integrità delle elezioni Verified Voting. “I problemi che stiamo vedendo sono diffusi, non sembrano essere sistemici, ma nelle località in cui stanno accadendo, sono di grande impatto”.

Gli esperti hanno anche scoperto che il voto elettronico è incredibilmente vulnerabile all’hackeraggio. Le agenzie di intelligence statunitensi hanno dichiarato ufficialmente che la Russia ha tentato di penetrare i sistemi di voto di 21 stati nel 2016, e che ha avuto successo almeno in uno, lo Stato dell’llinois.

Per scoprire poi che il modo consigliato di votare è quello con un voto cartaceo, anche se la ”traccia di controllo della carta verificata dagli elettori” (VVPAT) resta il modo più sicuro e accurato per votare, visto che è in grado di lasciare un record analogico.

Abbiamo bisogno di un sistema elettorale resiliente alle minacce”, ha affermato l’ esperto di sicurezza del voto Richard Schneier. “E per molte parti del sistema, questo significa voto cartaceo.”

Quindi, perché ci siamo rivolti al voto elettronico?

Test di sistema

La cosiddetta “voter suppression”, ovvero la soppressione degli elettori è una delle maggiori preoccupazioni per questa elezione. E di fatto i problemi tecnici impediscono a molte persone di esercitare il loro diritti al voto.

In alcuni stati, tra cui New York, Georgia e Pennsylvania, i computer di voto malfunzionanti hanno causato problemi alle urne, per esempio quelli vecchi si rompevano o non si avviano, causando lunghe ore e ritardi. In South Carolina, i problemi di calibrazione hanno causato discrepanze tra ciò che le persone intendevano selezionare e ciò che invece avevano scelto. Alcuni scrutini del Texas, invece, hanno selezionato il candidato della parte opposta rispetto a quella prevista per l’elettore.

Quello che stiamo vedendo ora in tutto il paese sono questioni tecniche“, ha detto Maurice Turner, l’esperto tecnologo del Center for Democracy & Technology. “L‘affluenza al voto è stata più alta del previsto, e la combinazione di vecchie macchine che non dovrebbero essere in servizio, significa che non c’è stato alcun tentativo coordinato di interferire. Se  stanno crollando è segno però che non possono gestire l’affluenza alle urne“.

Il fatto che si tratti di problemi tecnici cosa significa? Manomissione o scarsa manutenzione? Molti dei problemi nelle elezioni attuali sono stati causati da macchine obsolete. Turner ha spiegato che gli stati non hanno pagato per mantenere aggiornate le loro apparecchiature di voto. A New York, l’assemblea statale controllata dai repubblicani si è rifiutata di approvare la legislazione sulla riforma elettorale o il budget per la manutenzione. I problemi riscontrati erano tecnici, sì. Ma la causa principale è venuta dai problemi con il modo in cui  gli Stati Uniti hanno affrontato e finanziato le elezioni dal 2000.

Qual è il modo migliore per votare?

Nonostante il problema endemico delle elezioni sottofinanziate, gli esperti hanno unanimemente concordato alcune migliori pratiche per salvaguardare il voto, che sono state poi definite “low-tech”.

Dobbiamo avere la possibilità di monitorare i nostri sistemi per rilevare se qualcosa è andato storto e per rispondere ad esso“, ha detto Schneider. “Ecco a cosa serve un sistema di voto cartaceo”.

La migliore pratica per il voto per garantire un’elezione sicura e accurata è con un voto cartaceo,  verificato dagli elettori. Sia che le persone votino con una macchina elettronica o con un voto cartaceo su macchina, deve assolutamente verificarsi una registrazione del voto (un VVPAT) in cui gli elettori possono leggere chiaramente chi hanno votato.

Le schede cartacee sono più sicure perché non sono hackerabili.

A volte la tecnologia ci ha preceduto“, ha detto Schneider. “Abbiamo bisogno di sfruttare ciò che la tecnologia offre, ma dobbiamo farlo in modo responsabile, quindi dobbiamo verificarlo, perché a prescindere cosa ci piaccia o no, la tecnologia a volte fallisce”.

In termini di dimensioni, il voto in America è un affare completamente diverso rispetto a quando avveniva 50 anni fa.

L’affluenza alle urne è ciò che ha spinto le giurisdizioni a utilizzare più apparecchiature elettroniche durante il processo elettorale”, ha affermato Turner. “Il processo cartaceo non è stato ridimensionato, ma spostarlo in un processo elettronico ha permesso alle persone di accedere alla registrazione”.

Le recenti elezioni hanno dimostrato che la partecipazione alle elezioni è il fulcro della nostra democrazia, e le prove dimostrano che la tecnologia sta contribuendo a far votare le persone. Il pubblico si aspetta inoltre che il voto tenga il passo con il ruolo svolto dalla tecnologia in altre parti della loro vita, E siamo onesti, chi non è ansioso per i ritorni notturni elettorali? Quindi rimuovere gli aspetti della tecnologia elettronica dal nostro processo elettorale ora non si ridimensionerà con il numero di persone che abbiamo votato”, ha dichiarato Turner in proposito.

Dalla registrazione al voto al conteggio, la tecnologia nelle elezioni è probabilmente destinata a rimanere tale. Ma è importante che i governi mettano in atto gli sforzi per produrre VVPAT, per verificare in modo proattivo e mantenere aggiornate le infrastrutture in maniera efficace e adeguata, senza possibilità di brogli. 

Turner raccomanda ad esempio di procedere ad “audit di limitazione del rischio”, che utilizzano campioni di ogni singola elezione per controllare i risultati. Il fatto che sia solo un campione rappresentativo lo rende fattibile, ma il fatto che funzione serve sia da controllo sulla tecnologia che da deterrente per gli hacker che cercano di influenzare le elezioni.

Anche le macchine votive e i sistemi di conteggio devono essere più trasparenti. La maggior parte di questi sono gestiti da società private. Sia Schneider che Turner pensano che rendere queste piattaforme open source renderebbero le elezioni più sicure. In questo momento, gli auditor sono limitati nel modo in cui possono valutare il voto elettronico, perché le macchine e i sistemi di conteggio contengono tecnologia proprietaria. Ma se i revisori indipendenti fossero in grado di familiarizzare con l’hardware e il software di voto, sarebbero in grado di rilevare sia bug che violazioni.

Infine, resta il cartaceo ancora come il miglior metodo:

Una traccia cartacea verificata dagli elettori è assolutamente necessaria per qualsiasi macchina per il voto. Gli elettori hanno modo di rivedere il loro voto, perché una volta segnato, non si può più  tornare indietro”.