home Tecnologia sicurezza Apple: crea uno strumento online per la polizia
apple-online-dati-utente
0

Apple: crea uno strumento online per la polizia

Apple Inc intende creare uno strumento online per la polizia per richiedere formalmente i dati sui propri utenti

L’evoluzione tecnologica che apparentemente affila le armi per chi deve svolgere indagini sofisticate, in realtà, allunga le distanze tra la macchina giudiziaria (magistratura e forze dell’ordine) e chi a diverso titolo si rende protagonista dei più vari misfatti. Il primo problema è certo quello della disponibilità di strumenti adeguati per procedere alla ricerca, all’acquisizione e all’analisi di quanto possa risultare di interesse nell’ambito di un procedimento penale. Ma le vere difficoltà sono altre due: la mancata disponibilità di personale specializzato costantemente aggiornato e la crescente impenetrabilità dei sistemi operativi che animano i dispositivi mobili di comunicazione di uso comune.

Ma Apple Inc intende creare uno strumento online per la polizia per richiedere formalmente i dati sui propri utenti e per riunire una squadra per addestrare la polizia su quali dati possono e non possono essere ottenuti dal produttore di iPhone, secondo un lettera aziendale vista da Reuters. La lettera, datata 4 settembre, era del consigliere generale Apple Kate Adams del senatore statunitense Sheldon Whitehouse, un democratico del Rhode Island. Apple può e fornisce alcuni dati dell’utente, come i dati memorizzati nel suo servizio online iCloud, alle forze dell’ordine se fanno una richiesta legale valida.

Entro la fine di quest’anno, Apple fornirà uno strumento online per i funzionari delle forze dell’ordine per fare tenere traccia delle richieste. Apple ha dichiarato nella lettera di aver formato quasi 1.000 agenti delle forze dell’ordine su come ottenere i dati dalla società. La formazione in precedenza è avvenuta di persona presso la sede Apple, ma la società ha affermato che avrebbe creato un corso di formazione online e un team di formatori per estendere la propria copertura a reparti più piccoli.

“Indipendentemente da ciò che accade nel dibattito sulla crittografia, questi sono gli sforzi che dovrebbero essere intrapresi”, ha detto a Reuters Jennifer C. Daskal, uno degli autori del rapporto. “Le forze dell’ordine devono conoscere e poter accedere ai dati disponibili”. Apple ha partecipato allo studio rispondendo alle domande dei ricercatori, così come altre società tecnologiche.