home startup Anche le città stanno diventando intelligenti, non centra il monopattino
Bambino in monopattino in una smart city
0

Anche le città stanno diventando intelligenti, non centra il monopattino

Quisque, innovativa startup meneghina, si è posta l’obiettivo di trasformare, grazie alla tecnologia, la mobilità urbana in un servizio smart e connesso. Primo obiettivo: agevolare il problema del parcheggio

Noi di Dcommerce pensiamo molto all’ambiente quindi come mezzo per spostarci in città usiamo il monopattino. Sono ormai pochi quelli che ne fanno uso anche perché si risulta un po’ buffi ma almeno non devi perdere tempo a cercare parcheggio e puoi anche sentirti giovane, molto giovane. I dati di vendita dei monopattini online non li conosciamo ma per quanto riguarda la mobility in città le cose stanno per cambiare, grazie al digitale naturalmente, e stiamo facendo un sacco di riunioni per capire se abbandonare il monopattino o meno. Ad ogni modo ciò che sta cambiando le cose non è tanto se noi useremo ancora quel geniale mezzo di trasporto ma che i ragazzi di Quisque, innovativa startup meneghina, si è posta l’obiettivo di trasformare, grazie alla tecnologia, la mobilità urbana in un servizio smart, connesso e intermodale, facilmente fruibile dai cittadini.

Partita senza far ricorso a venture capital, ma sostenendosi grazie ai primi clienti, la squadra di Quisque, di età media 30 anni, è in continua crescita ed è attualmente composta, in Italia, da sei sviluppatori e da una unit completamente dedicata alla ricerca sugli sviluppi della Smart Mobility. Altri sei sviluppatori sono, inoltre, operativi a Cochabamba, in Bolivia, uno dei maggiori centri di ricerca del Sud America.

Di che si tratta

Quisque è dunque una piattaforma tecnologica in grado di fornire una soluzione completa, hardware e software, alle aziende che vogliono creare servizi innovativi per il cittadino, le cui principali caratteristiche sono la facilità di integrazione nei sistemi esistenti e la flessibilità di utilizzo in tutti gli scenari di mobilità, che permettono la creazione di un ecosistema scalabile.

Come spiega Alex Pallotti, co-founder della startup: “Quisque, come suggerito dal nome stesso che in latino significa “ogni cosa”, è una soluzione in grado di abbracciare i molteplici scenari della mobilità: dai parcheggi alle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, dal car e bike sharing ai mezzi pubblici, ai pagamenti e molto altro ancora. Grazie alla nostra piattaforma, la mobilità diventa al completo servizio del cittadino, che è sempre più connesso e alla ricerca di strumenti che gli permettano di muoversi in maniera intelligente, flessibile e sostenibile”.

A conferma della funzionalità della piattaforma, la scelta di grandi operatori del settore mobilità di avvalersi di Quisque come fornitore tecnologico. In particolare, l’ambito dei parcheggi rappresenta un importante primo esempio di applicazione della tecnologia di Quisque, che consente di gestire, interamente tramite smartphone, tutte le operazioni per trovare un posto auto: dalla ricerca, alla prenotazione, all’ingresso, al controllo del tempo di sosta, fino al pagamento e all’uscita.

“Numerosi”, prosegue Pallotti “i vantaggi che la nostra tecnologia porta ai vari attori coinvolti: dalla semplificazione di problemi assillanti come la ricerca del parcheggio, all’abbassamento dei costi di gestione grazie all’impiego di tecnologie digitali, al valore aggiunto di poter raccogliere dati aggiornati sul comportamento degli utenti, in modo da creare politiche ed offerte di mobilità che rispondano ai loro reali bisogni”.

Creando un prodotto finale che rende possibile un’esperienza di viaggio “fluida” e senza interruzioni nelle varie fasi di ricerca, selezione e pagamento del servizio, Quisque semplifica, quindi, notevolmente la mobilità privata e la gestione di progetti complessi da parte degli operatori e delle Istituzioni. Quisque, dunque, può trovare applicazione e integrazione in ogni infrastruttura già esistente ed è per questo che sta già dialogando con grandi player europei del settore mobilità.