home Aziende Esselunga sceglie Satispay; mobile payment pronto a fine estate
satispay
0

Esselunga sceglie Satispay; mobile payment pronto a fine estate

L’azienda leader della gdo conferma la propria vocazione all’innovazione adattando il sistema di pagamento della start up italiana

Da fine agosto sarà possibile utilizzare Satispay, l’app per i pagamenti mobile, in tutti i 154 punti vendita Esselunga, in Lombardia, Toscana, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto, Liguria e Lazio. Aprono le danze il punto vendita di Segrate e quello in via Losanna a Milano che utilizzano già il metodo di pagamento mobile italiano. Esselunga si conferma un marchio sempre pronto all’innovazione e segue la strada di pagamenti sempre più cashless.

Il sistema di pagamento sarà integrato nelle casse automatiche e tradizionali e basterà digitare l’importo sul proprio smartphone per pagare la spesa. Satispay è un metodo di pagamento mobile che non chiede commissioni all’utente, per gli esercenti invece solo 20centesimi di commissione per i pagamenti sopra i 10 euro (gli incassi inferiori non hanno costi). L’azienda è già da tempo sulla piazza: da Benetton a Grom passando per i benzinai Total Erg. e per una lunga lista di piccoli bar o ristoranti, ma in questo caso protagonista dell’accordo è il Re della gdo Esselunga. Satispay potrà così iniziare a macinare volumi maggiori e a fidelizzare un numero sempre maggiore di utenti.

Il co-fondatore e AD Alberto Dalmasso, in merito all’accordo, afferma: “Questo è per noi un ulteriore, importante passo nella concretizzazione di una strategia: creare la prima soluzione di pagamento elettronico adatta a tutte le tipologie di esercenti, dal piccolo caffè a conduzione familiare, alla grande azienda, come Esselunga. A oggi sono oltre 270.000 i download della nostra app, 135.000 gli utenti privati attivi e abbiamo oltre 16.000 esercenti che aderiscono al nostro circuito, in aumento di 70 al giorno. Con l’adesione di un player tanto importante il nostro obiettivo di rivoluzionare la cultura dei pagamenti quotidiani si fa molto più concreto e vicino”.