home Mercato L’India? Un paradiso per gli sviluppatori cinesi di app
smartphone
0

L’India? Un paradiso per gli sviluppatori cinesi di app

Il mondo delle app di consumo è già pronto ad invadere in pieno il paese indiano.

L’India, è il secondo paese più grande al mondo per aumento demografico: dopo la Cina si tratta del prossimo punto di riferimento per il mercato mondiale. Chi ha già catturato questa opportunità? Il mondo delle app di consumo, già pronte ad invadere in pieno il paese.

Seguendo la strada intrapresa dai produttori di smartphone cinesi come Xiaomie Oppo, che ha dominato le vendite di dispositivi mobile in India per qualche tempo, il contenuto del touchscreen in India è sempre più presente anche in Cina. Questo è quanto emerge da un rapporto di FactorDaily che ha rilevato che 44 delle 100 migliori app Android in India sono state sviluppate da aziende cinesi a partire da appena un anno prima. L’attenzione, attualmente, è su Android perché di fatto offre una enorme scelta del sistema operativo tra più di 500 milioni di utenti Internet stimati in India.

L’elenco delle migliori app cinesi include nomi importanti come ByteDance, l’avvio più alto del mondo che offre TikToke, l’app di notizie in lingua locale Helo proprio in India, e UCbrowser di Alibaba, come quantità meno conosciute, tra cui il NewsDog supportato da Tencent e il produttore di app di streaming silenzioso ma prolifico: Bigo.

5 migliori app su 10 sono cinesi

Citando i dati dalla Sensor Tower, il rapporto ha rilevato che cinque delle dieci migliori app per Android in India provengono proprio dalla Cina, mentre alla fine del 2017 erano soltanto due.

Per tutti coloro che hanno assistito alla crescita della scena tecnologica indiana negli ultimi anni, hanno di fatto costatato che questa “invasione cinese di app store” non li ha sorpresi, sebbene la velocità del cambiamento sia stata alquanto inaspettata.

Negli ultimi anni, le due maggiori compagnie cinesi, Alibaba e Tencent, hanno riversato ingenti somme in promettenti startup indiane, preparando il terreno affinché altri seguano l’esempio e si spostino in India in cerca di crescita e di opportunità di successo.

Alibaba ha acquistato Snapdeal e Paytm tramite investimenti da centinaia di milioni di dollari nel 2015, e il ritmo di crescita può dirsi solo migliorato da allora. Nel 2017 Tencent ha investito in Gaana ( streaming di musica ) e Swiggy ( consegna di generi alimentari ) in accordi importanti sostenuti da Byju ( istruzione ) e Ola ( ride-hailing ) l’anno precedente. L’anno scorso, invece, le due società hanno anche lanciato servizi di cloud computing locale in India.

India, mercato del futuro

Oltre a questi due risultati, Xiaomi è andato oltre la vendita di telefoni per sostenere le aziende locali e sviluppare servizi locali per i propri clienti.

Questo approccio, più locale, sembra essere stato la chiave per quei creatori di app che hanno trovato successo in India. Piuttosto che adottare un approccio molto rigido come l’app di messaggistica cinese WeChat, di proprietà di Tencent, che ha fallito in India. Inoltre simili a ByteDance hanno sviluppato team locali e, in alcuni casi, app interamente dedicate all’India. Con le prossime centinaia di milioni di utenti Internet in India provenienti da più parti rurali del paese, le lingue dialettali, i contenuti locali e la tecnologia abilitata alla voce sono alcune delle strategie chiave che, come i loro cugini che fanno telefonini, gli sviluppatori di app cinesi dovrà concentrarsi su per garantire che non sono solo un fuoco di paglia in India.