home Dati Facebook permette a terzi l’accesso ai messaggi degli utenti
facebok-dati
0

Facebook permette a terzi l’accesso ai messaggi degli utenti

Gli utenti dei social media si stanno chiedendo cosa ancora non torna riguardo alla condivisione di dati.

In un nuovo post sul blog, Facebook VP of Product Partnership per Ime Archibong ha affrontato l’ultima controversia sulla privacy degli utenti. La confutazione rappresenta il secondo round di Facebook che respinge il rapporto del New York Times, pubblicato martedì scorso: ha illustrato nel dettaglio alcune delle partnership speciali di Facebook come l’ampia condivisione dei dati tra i principali attori tecnologici sulla scena internazionale.

Nel nuovo post, la società Ime Archibong sostiene specificatamente che Facebook non ha mai consentito ai suoi partner di accedere ai messaggi privati ​​del sosicla senza il permesso dell’utente. Mentre Facebook ha effettivamente condiviso i messaggi degli utenti con terze parti, la società afferma di averlo fatto solo “se l’utente ha scelto di utilizzare Facebook Login”. Facebook Login consente agli utenti di accedere a siti di terze parti, senza creare un nuovo specifico set di credenziali di accesso.

L’esempio Ime Archibong

Una nota ufficiale di Archibong ha dichiarato che:

Abbiamo lavorato a stretto contatto con quattro partner per integrare le funzionalità di messaggistica nei loro prodotti in modo che le persone potessero inviare messaggi ai loro amici di Facebook, ma solo se hanno scelto di utilizzare Facebook Login. Queste esperienze sono comuni nel nostro settore – pensate di essere in grado di avere Alexa che legge la vostra e-mail ad alta voce o di leggere la vostra e-mail nell’app di Apple Mail”.

La nota prosegue affermando che queste caratteristiche “erano sperimentali” e sono state chiuse per quasi tre anni Facebook è volutamente piuttosto specifico su ciò a cui si applica questa particolare linea temporale, poiché il report del New York Times riporta che la società si è impegnata sotto alcune forme di “accesso speciale” alla condivisione dei dati con terze parti “solo di recente quest’estate, nonostante le dichiarazioni pubbliche hanno fermato quel tipo di condivisione già anni prima”.

Per quanto riguarda il motivo per cui Facebook concederebbe l’accesso alla messaggistica profonda ai partner di messaggistica, ecco quanto dichiarato:

Questo era il punto della funzione per i partner di messaggistica menzionati sopra: abbiamo lavorato con loro per costruire integrazioni di messaggistica nelle loro app in modo che le persone potessero inviare messaggi ai loro amici di Facebook …

Per poter scrivere un messaggio ad un amico di Facebook da Spotify, ad esempio, dovevamo dare a Spotify “accesso in scrittura”. Per poter leggere nuovamente i messaggi, era necessario che Spotify avesse “accesso in lettura”. ” Elimina l’accesso “significa che se hai eliminato un messaggio da Spotify, si elimina anche da Facebook. Nessuna terza parte poteva quindi leggere i messaggi privati ​​o scrivere messaggi agli amici senza il permesso”.

Il post di Facebook fornisce schermate di queste integrazioni di messaggistica, che sono successe parecchio tempo fa, e che forse molti di noi non ricordano affatto. Ciò che Facebook ha rifiutato di fornire in questo post è proprio questo: le schermate delle autorizzazioni che gli utenti hanno visto durante la concessione a questo accesso. Di fatto saranno fondamentali nel determinare quanto gli utenti fossero informati di ciò che stavano concedendo quando abilitavano casualmente queste integrazioni per accedere alla navigazione.

Facebook corre ai ripari

Tuttavia, non importa quanto chiaramente Facebook abbia potuto formulare le schermate delle autorizzazioni, gli utenti dei social media si stanno risvegliando soltanto adesso sul fatto che qualcosa ancora non torna riguardo a questa condivisione di dati. Resta il fatto che anche se gli utenti hanno fatto clic per concedere il loro consenso per una funzione come questa, un problema che non hanno capito riguarda le implicazioni sulla privacy. Dove vanno a finire i dati?

In questo caso, non è solo un problema di Facebook. Con la normativa sulla privacy che si profila all’orizzonte negli Stati Uniti e il GDPR che già fa grandi progressi per la privacy dei consumatori nell’UE, è solo una questione di tempo prima che tutte le principali società tecnologiche affittino i dati degli utenti agli inserzionisti per farne business. In questo modo il mondo degli affari online cambierà drasticamente.