home Dati Giochi per bambini: scienza in fondo alla lista secondo la ricerca idealo
idealo
0

Giochi per bambini: scienza in fondo alla lista secondo la ricerca idealo

Idealo, la piattaforma di comparazione prezzi per gli acquisti digitali, evidenzia una crescita del mercato dei giochi, ma non di tutti

Per fare il tavolo ci vuole il legno, per fare il castello di sabbia non possono mancare paletta e secchiello; che dire poi delle formine e addirittura dei tablet per bambini. Giocare è un momento indispensabile per i bambini e sono sempre più i genitori che si rivolgono al commercio digitale per soddisfare le richieste dei più piccoli, quando si parla di divertimento (al momento il 2017, per quanto riguarda la media europea, registra +24,2% rispetto all’anno precedente; solo per l’Italia la crescita, ad oggi, è del 37%). idealo, la piattaforma internazionale di comparazione prezzi per gli acquisti digitali, ha interpretato gusti e abitudini dei bambini quando si tratta di giocare, in Italia e in Europa.

I gusti sui giochi più ricercati online per bambini e ragazzi dai 3 ai 15 anni evidenziano differenze tra Europa e Italia. Per quanto riguarda la prima si trova, in cima alla lista, la passione per le costruzioni (29,5%), seguono i giochi “old style” con il 12,7% (carte, scacchi, giocattoli in legno) e tutto ciò che è collegato al movimento, con il 12,2%. I giochi al femminile guadagnano la quarta posizione con il 9%, davanti ai giochi “open air” con il 6,8% e tutto il mondo del divertimento legato all’espressione artistica (3,5%). Il mondo tech in versione junior riscuote il 2% dell’interesse.

Per quanto riguarda i gusti dei bambini italiani invece, i giochi per bambine sono sul podio, con il 25,1%; i piccoli con la passione per le costruzioni raggiungono una percentuale minore di quella europea (16,7%); meno attenzione anche per i giochi che riguardano il movimento, quelli “vecchio stile”, o quelli che si possono ricondurre alle attività all’aperto (2,1%), al mondo tech e alla creatività.

I giochi scientifici

Da un punto di vista educativo e formativo i giochi scientifici sono riconosciuti come i più importanti; questi sembrano infatti essere una soluzione interessante per stimolare l’apprendimento e la curiosità dei più piccoli. Idealo ha indagato più a fondo per capire qual è il reale interesse verso questa categoria. Il dato sull’attenzione degli utenti, però, non è molto incoraggiante. Nella classifica per tipologia di giochi, troviamo quelli scientifici al 9° posto per l’Europa, all’10° in Italia, su un totale di 11 categorie analizzate, dove i più interessati sono risultati i bambini dai 6 ai 9 anni.

All’interno della categoria poi, riguardo alle applicazioni scientifiche, si nota che i piccoli di tutto il continente nutrono un particolare interesse per la chimica, con il 25,4%; seguono poi astronomia (22,6%) e natura (14,3%). Fuori dal podio troviamo la scienza applicata alla storia (archeologia, dinosauri) con l’11,3%; gli esperimenti che riguardano l’elettricità (9,3%) e i kit legati alla scienza per risolvere misteri ed enigmi (8,6%). In fondo alla classifica si trovano i giochi che rimandano al mondo della fisica (6,7%) e dell’ottica (1,8%).

“Alcuni colossi dell’ecommerce stanno puntando molto sui giochi scientifici – commenta Fabio Plebani, Country Manager di idealo per l’Italia. Un’idea positiva, anche alla luce dei dati emersi dalla nostra ricerca. Crediamo che possano essere una proposta valida per stimolare i più piccoli. Inoltre, abbiamo visto che, chi acquista adesso ad esempio, può risparmiare circa il 24% rispetto alla possibile spesa nel periodo pre-natalizio, quando si registra il massimo aumento dei prezzi. Conviene quindi approfittarne, considerando anche il fatto che l’Italia è il secondo paese dove i giochi scientifici costano meno.”