home Mobile Anche Alipay lancia i mini programs, verso l’oligarchia delle applicazioni mobile
0

Anche Alipay lancia i mini programs, verso l’oligarchia delle applicazioni mobile

Come WeChat anche l’applicazione di Ant Financial ha realizzato i suoi mini programs, i programmi che sostituiscono le app di brand e aziende

Come sarebbe un mondo senza app? Sicuramente un mondo con più memoria nel telefono e con meno posti di lavoro per gli sviluppatori. Sostenere con certezza che le applicazioni mobile scompariranno del tutto è però ancora prematuro ma senza dubbio il futuro che si prospetta è un futuro con sempre meno app, una sorta di oligarchia. In Europa e negli Stati Uniti, nonostante gli sforzi di Facebook e Google, la strada da percorrere verso un ecosistema di questo tipo è ancora molto lunga, cosa che invece non può dirsi per l’Asia, e in particolar modo per la Cina. Lo scorso gennaio WeChat ha lanciato i mini programs, dei programmi esterni accessibili senza download e senza installazione in grado di svolgere qualsiasi tipo di funzione, proprio come un’app, ma internamente a WeChat. Con i mini programs, in parole più semplici, non è più necessario scaricare un’applicazione di “x” brand o “x” azienda ma basta scansionare un codice QR dall’app di WeChat per accedere da mobile a contenuti e servizi di quel brand o quell’azienda.

I mini programs di Alipay

Secondo alcune dichiarazioni rilasciate da un portavoce di Ant Financial, la sussidiaria di Alibaba che gestisce Alipay, i mini programs saranno a brevissimo disponibili anche per gli utenti Alipay. L’obiettivo è ovviamente quello di rafforzare il posizionamento della società, e più in generale del Gruppo Alibaba, nei confronti di WeChat e del Gruppo Tencent. Non sono mancate, tuttavia, già le prime polemiche da parte della stessa Tencent che ha accusato Ant Financial di aver copiato alcuni codici sorgente per la programmazione dei mini programs. Accuse che tra l’altro non sono state smentite da Ant Financial che invece ne ha preso atto scusandosi per l’accaduto.

Come successo per WeChat, brand e aziende che intendono integrare i loro servizi con Alipay potranno quindi farlo molto più facilmente e a costi più contenuti. Inoltre, sebbene Alipay sia nettamente indietro rispetto a WeChat per quanto riguarda la componente social, offre una moltitudine di prodotti finanziari molto più consolidata rispetto all’applicazione di Tencent. Giusto per fare un esempio, il fondo monetario di Alipay, Yu’e Bao, conta circa 325 milioni di utenti cinesi, un servizio che Tencent sta lanciando solo ora attraverso il fondo Lingqiantong.