home Aziende Scelte le prime 5 startup che prenderanno parte al programma Impulse di vente-privee
startup
Jacques-Antoine Granjon, presidente, direttore generale e fondatore di vente-privee
0

Scelte le prime 5 startup che prenderanno parte al programma Impulse di vente-privee

Il programma durerà 9 mesi e sarà realizzato in partnership con Station F, il più grande campus di startup al mondo la cui apertura è prevista entro il 2017

Prosegue l’attività di vente-privee Impulse, l’acceleratore di startup Fashion/Tech/Retail realizzato da vente-privee all’interno di Station F, il più grande campus di startup al mondo la cui apertura è prevista proprio per questo 2017. La partnership col campus è in sintonia con i valori imprenditoriali del sito e prevede un investimento da parte dell’aziende francese di ben 80 milioni di euro con lo scopo di continuare a sviluppare l’open innovation e potenziare la sua R&D in-house.

Le prime startup selezionate

Da qualche giorno vente-privee ha presentato i nomi delle prime 5 startup selezionate che prenderanno parte al programma realizzato in collaborazione con Station F e a cui se ne aggiungeranno delle altre dal momento che le iscrizioni al programma sono tutt’ora aperte. Tra queste FITLE, il primo camerino di prova virtuale 3D al mondo;
Shipup, il tracking delle spedizioni che rivoluziona la comunicazione post-vendita; ShorTouch, la startup che rivoluziona le reti di relazione tra utenti; Whishibam, il primo marketplace di moda e bellezza che trasforma l’acquisto in un’esperienza emozionale grazie al servizio gratuito e illimitato di assistenza alla vendita; e
EasySize, dove tecnologia e interazione umana si incontrano per trasformare il sizing.

I candidati a questa prima selezione hanno saputo convincere i membri del comitato di direzione di vente-privee e Jacques-Antoine Granjon, presidente, direttore generale e fondatore dell’azienda. “Siamo entusiasti all’idea di accogliere questi imprenditori all’interno del nostro acceleratore presso Station F. Le idee di questi giovani, dalla creatività spesso dirompente, potranno essere testate in modo molto concreto sulla piattaforma vente-privee, terreno di prova ad alto traffico di utenti, che permette di confrontarsi con i volumi e la realtà”, ha dichiarato Granjon.

Un invito alle startup italiane

L’ambizione di vente-privee Impulse è quella di accompagnare la crescita delle startup, francesi ed europee, e dunque anche italiane, nell’ambito del Fashion, Tech e Retail. L’acceleratore si focalizza su progetti capaci di immaginare soluzioni e servizi che puntino a arricchire l’esperienza degli acquirenti nel settore del fashion retail onilne e offline, ma anche innovazioni tecniche e servizi mirati alla digitalizzazione e trasformazione dell’esperienza di shopping in negozio all’interno del settore moda.

Un team vente-privee dedicato e presente a tempo pieno nel campus accompagnerà le startup attraverso un programma di 9 mesi, basato su workshop con esperti del settore, sessioni di pitch training, e reciproca consulenza su esigenze nell’ambito della creatività o delle competenze. Inoltre, tutte le migliori startup che prenderanno parte al progetto avranno l’opportunità di presentare il proprio business al comitato d’investimento di vente-privee.