home Aziende startup Nasce FoodForward, il programma di accelerazione per le startup del Food
Andrea Poggi, innovation leader di Deloitte Italia, durante la presentazione di FoodForward
0

Nasce FoodForward, il programma di accelerazione per le startup del Food

L’obiettivo è fare di Milano un hub del foodtech a livello globale, coniugando la tradizione e l’eccellenza italiana di questo settore con l’innovazione tecnologica

Che il mondo del Food stia assumendo una dimensione del tutto inedita rispetto al passato è chiaro da eventi come il Seeds&Chips, il CIBUS o la Milano Food Week. Giornate dove un’enorme quantità di persone, tra semplici curiosi e adetti ai lavori, si mobilita per studiare nuovi business o per cercare nuovi street food da provare. Ovviamente lo spazio riservato alle startup è molto ampio e proprio dal palco del Seeds&Chips è stata annunciata un’importante novità a riguardo. Poche ore fa è stata infatti comunicata la nascita di FoodForward, un programma di accelerazione dedicato ai progetti innovativi e startup del settore Food e Retail coordinato da Deloitte in collaborazione con partner industriali come Amadori, Cereal Docks e Gruppo Finiper che lavoreranno con le startup del settore per sviluppare le nuove attività del futuro e i principali player dell’ecosistema dell’innovazione come Innogest, Digital Magics, Federalimentare Giovani e la stessa Seeds&Chips.

Quali sono gli biettivi

L’obiettivo di FoodForward è fare di Milano un hub del foodtech a livello globale, coniugando la tradizione e l’eccellenza italiana di questo settore con la capacità di catalizzare le più avanzate soluzioni tecnologiche provenienti dai principali hub internazionali di innovazione. Il programma è già operativo e fino al 29 luglio resterà aperta la call per aderire al programma di accelerazione. In totale verranno selezionate fino a 7 startup che dall’inizio del programma avranno accesso a un investimento iniziale in equity di 150.000 euro complessivi e a un supporto in termini di servizi e di consulenza pari a un controvalore fino a 350.000 euro. Inoltre, al termine del programma di accelerazione i partner del progetto hanno già confermato la volontà di effettuare ulteriori investimenti fino a 1 milione di euro.

Cosa succede dopo la selezione

Una volta selezionate le startup, tra gennaio e maggio 2019 si svolgerà il programma di accelerazione della durata di 15 settimane, che prevede un intenso mix di: sviluppo e consolidamento dei progetti, formazione manageriale, sessioni di confronto con mentor ed esperti di settore e momenti di networking con imprenditori, manager e investitori provenienti sia dal network Deloitte che dall’ecosistema foodtech. Il focus del programma sarà stimolare collaborazioni tra corporate e startup al fine di portare innovazione all’interno delle aziende e sviluppare nuovi business tramite le sinergie tra startup innovative e industria. La call è aperta ad aziende italiane ed estere costituite o in fase di costituzione che innovano nell’ambito della produzione e distribuzione alimentare. I trend innovativi di riferimento sono, tra gli altri: nuovi cibi, qualità e tracciabilità del cibo, healty lifestyle, economia circolare, nuovi modelli di delivery, smart packaging e agricoltura di precisione.

«Deloitte ha sempre riconosciuto nel food uno dei settori di riferimento per sostenere la crescita del sistema Paese», ha spiegato Andrea Poggi, innovation leader di Deloitte Italia e amministratore delegato di Officine Innovazione, la startup di Deloitte dedicata all’innovazione. «In questa prospettiva, FoodForward sarà la piattaforma che coniugherà l’expertise italiana nel settore con la necessaria spinta all’innovazione. Facendo leva sulle ampie conoscenze di settore e sull’intensa attività nell’Innovation Ecosystem, è naturale per Deloitte assumere ruolo di orchestratore tra la spinta innovativa delle startup e la forza dell’industria.»