home Aziende Epipoli acquisisce Groupalia Italia, per il 2017 previsto un fatturato di oltre €60 mln
Epipoli
0

Epipoli acquisisce Groupalia Italia, per il 2017 previsto un fatturato di oltre €60 mln

Con l’operazione Epipoli estende il proprio business a un nuovo settore complementare e strategico e pone le premesse per una espansione internazionale

Operazione di un certo peso quella annunciata un paio di giorni fa da Epipoli. L’azienda, leader in Italia nel mercato delle gift card con 50 mila punti vendita convenzionati, ha acquisito il 100% di Groupalia Italia dall’imprenditore Andrea Gualtieri, società che opera nell’ambito del social shopping, specializzata nella vendita di offerte per il tempo libero con sconti fino al 90% attraverso couponing e acquisto di gruppo. Giusto per dare qualche numero che renda l’idea della dimensione, Groupalia è presente in Italia con strutture fisiche in oltre 20 città, conta 2 milioni di clienti, 240.000 fan su Facebook, 20.000 follower Twitter e dalla sua nascita ha venduto circa 5,5 milioni di coupon e collaborato con oltre 7.200 partner.

Epipoli
Gaetano Giannetto, fondatore di Epipoli

L’acquisizione è stata perfezionata con l’assistenza dello studio legale Orrick e permette a Epipoli di diventare il primo gruppo integrato fisico-digitale nel marketing di nuova generazione. A sua volta, Andrea Gualtieri entrerà nel consiglio di amministrazione del Gruppo investendo in Epipoli e sottoscrivendo un aumento di capitale. Il fatturato aggregato delle due realtà supererà, nel 2017, i 60 milioni di euro con circa 80 addetti e con un bacino di utenza di oltre 2,5 milioni di clienti.

«Con questa acquisizione Epipoli estende il suo business a un nuovo settore complementare e strategico e pone le premesse per una decisa espansione internazionali a cominciare da Spagna e Francia», ha dichiarato Gaetano Giannetto, fondatore di Epipoli. «Epipoli è il partner strategico per l’evoluzione di Groupalia e del mercato dei coupon in Italia attraverso l’integrazione del mondo retail con il digitale», ha aggiunto Gualtieri che rimane anche presidente di Groupalia.